Modello 730: cosa è cambiato?

Ti stai chiedendo cosa è cambiato nel MODELLO 730 per il 2018?

 

Ecco la lista punto per punto:

1) PRESENTAZIONE MODELLO 730

Da quest'anno, anche coloro che si avvalgono dell'assistenza fiscale presso i Caf e i professionisti abilitati potranno presentare il modello 730/2017 entro il 23 luglio 2018.


2) CEDOLARE SECCA

A partire dal 1° giugno 2017, i comodatari e affittuari che locano gli immobili per un periodo di tempo che non supera i 30 giornipotranno usufruire del regime agevolato della cedolare secca.  


3) LOCAZIONI BREVI

A partire dal 1° giugno 2017, i redditi dei contratti di locazione per un periodo di tempo che non supera i 30 giorni saranno soggetti a una ritenuta del 21% se conclusi grazie all'intervento di soggetti di intermediazione immobiliare, anche se si tratta di portali online, qualora questi intermediari intervengano anche nel pagamento o incassino i canoni o i corrispettivi relativi ai contratti di locazione breve. La ritenuta verrà effettuata nel momento in cui l'intermediario riversa le somme al locatore.


4) PREMI DI RISULTATO E WELFARE AZIENDALE

Il limite dei premi di risultato con tassazione agevolata é stato alzato da 2.000 € a 3.000 €. Inoltre, per i lavoratori che sono coinvolti in maniera paritaria nell'organizzazione del lavoro con un cotratto collettivo aziendale o territoriale stipulato entro il 24 aprile 2017, il limite per la tassazione agevolata raggiunge i 4.000 €.


5) SISMA BONUS

Da quest'anno si potrà usufruire di detrazioni maggiori per le spese sostenute per interventi antisismici su parti comuni di edifici condominiali e per interventi che portano a una riduzione della classe di rischio sismico.


6) ECO-BONUS

Anche per quanto riguarda le spese relative a interventi di riqualificazione energetica su parti comuni di edifici condominiali, le percentuali di detrazione sono più alte rispetto all'anno scorso.


7) SPESE D'ISTRUZIONE

Il limite delle spese detraibili per spese d'istruzione relative alla frequenza a scuole dell'infanzia, del primo ciclo di istruzione e della scuola secondaria di secondo grado del sistema d'istruzione nazionale è stato alzato a 717 €.


8) SPESE SOSTENUTE DAGLI STUDENTI UNIVERSITARI

La detrazione del 19% sui canoni di locazione potrà essere richiesta, fermo restando i vincoli chilometrici, anche se si frequenta l'Università nella stessa provincia di residenza. Per gli studenti residenti in zone montane e disagiate il limite chilometrico è stato abbassato a 50 km. Solo per gi anni 2017 e 2018.


9) SPESE SANITARIE

Solo per gli anni 2017 e 2018 si potranno detrarre le spese sostenute per acquistare alimenti ai fini medici speciali (presenti nella sezione A1 del Registro nazionale ), ad esclusione di quelli destinati ai lattanti.


10) ART-BONUS

Dal 27 dicembre 2017, si potrà usufruire del credito di imposta pari al 65% per erogazioni, anche liberali, nei confronti di istituzioni concertistico-orchestrali, teatri nazionali, teatri di rilevante interesse culturale, festival, imprese e centri di produzone teatrale e di danza, circuiti di distribuzione.


11) BORSE DI STUDIO

Le borse di studio nazionali per il merito e per la mobilità erogate dalla FONDAZIONE ARTICOLO 34 sono esenti dalla tassazione.


12) 5 PER MILLE 

Da quest'anno sarà possibile destinare il 5 per 1000 dell'imposta sul reddito in favore di enti gestori di aree protette.


13) ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Nella riga dedicata al "Domicilio fiscale al 1° gennaio 2017" che si trova nel frontespizio del modello, da quest'anno è stata inserita la casella "Fusione comuni".


14) CONTRIBUTO DI SOLIDARIETÁ

Il Contributo di solidarietà è stato abolito.

 

Per sapere di più sul MODELLO 730  visita la pagina dedicata alla DICHIARAZIONE DEI REDDITI